Fino alle ore 14:00 del 10 febbraio 2023 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei progetti che si avvieranno nel 2023 sul territorio nazionale e all’estero.

CANDIDATI PER UN PROGETTO CON ANYMORE ONLUS

Sono 19 i  posti disponibili per i giovani tra i 18 e 28 anni che desiderano aderire ai progetti di Servizio Civile Universale promossi da Anymore Onlus con CESC Project.

Sono in particolare 13 i posti disponibili nelle sedi in in Italia (Messina, Venetico e Barcellona Pozzo di Gotto) e 6 quelli disponibili in Rwanda.

REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Per candidarsi è richiesto al giovane il possesso dei seguenti requisiti:

  1. cittadinanza italiana, oppure di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, oppure di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;
  2. aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  3. non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo oppure ad una pena, anche di entità inferiore, per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

ULTERIORI INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:

Possono presentare domanda anche i giovani che, fermo restando il possesso dei requisiti di partecipazione:

    • nel corso del 2020/2021, a causa degli effetti delle situazioni di rischio legate all’emergenza epidemiologica da Covid-19 e/o legate alla sicurezza di alcuni Paesi esteri di destinazione, abbiano interrotto il servizio volontariamente o perché il progetto in cui erano impegnati è stato definitivamente interrotto dall’ente, a condizione che il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi;
    • abbiano interrotto il Servizio civile a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente che ha causato la revoca del progetto, oppure a causa di chiusura del progetto o della sede di attuazione su richiesta motivata dell’ente, a condizione che, in tutti i casi, il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi;
    • abbiano interrotto il Servizio civile universale a causa del superamento dei giorni di malattia previsti, a condizione che il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi;
    • abbiano già prestato servizio in un progetto finanziato dal PON-IOG “Garanzia Giovani”. L’avvio in servizio per lo svolgimento del nuovo progetto è subordinato all’aver regolarmente concluso il progetto finanziato dal PON-IOG “Garanzia Giovani”;
    • abbiano già svolto il Servizio civile nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All o nell’ambito dei progetti per i Corpi civili di pace;
    • abbiano già svolto il “servizio civile regionale” ossia un servizio istituito con una legge regionale o di una provincia autonoma;
    • nel corso del 2021 siano stati avviati in servizio per la partecipazione ad un progetto finanziato dal PON-IOG “Garanzia Giovani” e successivamente, a seguito di verifiche effettuate dal Dipartimento, esclusi per mancanza del possesso dei requisiti aggiuntivi.

    Possono inoltre presentare domanda di Servizio le operatrici volontarie ammesse al Servizio civile in occasione di precedenti selezioni e successivamente poste in astensione per gravidanza e maternità, che non hanno completato i sei mesi di servizio, al netto del periodo di astensione, purché in possesso dei requisiti di cui ai precedenti articoli.

    Non possono presentare domanda i giovani che:

    • appartengano ai corpi militari e alle forze di polizia;
    • abbiano interrotto un progetto di servizio civile universale, digitale, ambientale o finanziato dal PON-IOG “Garanzia Giovani” prima della scadenza prevista ed intendano nuovamente candidarsi ad uno dei progetti contemplati nel presente bando;
    • intrattengano, all’atto della pubblicazione del presente bando, con l’ente titolare del progetto rapporti di lavoro/di collaborazione retribuita a qualunque titolo, oppure abbiano avuto tali rapporti di durata superiore a tre mesi nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del bando; in tali fattispecie sono ricompresi anche gli stage retribuiti.
 

RWANDA

KARAMÈ, EDUCAZIONE E SOLIDARIETÀ IN RWANDA

Kigali, Rwanda

SETTORE E AREA DI INTERVENTO:
Il presente progetto prevede un intervento rivolto a minori, con disabilità e non, che vivono in condizioni di vulnerabilità nella provincia di Kigali, nei dintorni della Capitale e nei villaggi rurali delle province limitrofe, in Rwanda.
Le azioni progettuali sono volte a implementare le attività di assistenza, animazione e cura a favore dei minori, anche con disabilità, integrando i servizi routinari delle strutture di accoglienza.
DURATA DEL PROGETTO: 12 MESI

N. POSIZIONI: 6

 

ITALIA

ESPERIENZE DI PACE

Messina

SETTORE E AREA DI INTERVENTO: 

Il progetto “Esperienze di Pace” prevede un intervento nell’ambito dell’educazione e promozione della pace, dei diritti umani, della nonviolenza finalizzato alla realizzazione di una transizione ecologica giusta e inclusiva, tramite la valorizzazione, soprattutto alle nuove generazioni, dei valori Costituzionali di pace, libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e i popoli, nonché i diritti e i doveri che appartengono a ciascuno in quanto cittadino.

I destinatari di tale progetto sono i giovani residenti sui rispettivi territori di appartenenza degli Enti di accoglienza a cui verranno proposti dei percorsi di formazione (teorico-pratico) sui temi di portata attuale e globale quali sostenibilità, equità, pace e nonviolenza.

 

DURATA DEL PROGETTO: 12 mesi 

N. POSIZIONI: 1

STORIE A COLORI

Messina

“Storie A Colori” si occupa dell’inclusione educativa prevalentemente dei minori oggetto di disagio marcato, causato sia dalle disfunzioni della famiglia, sia dalle caratteristiche dei territori in cui vivono, sia dalla propria condizione personale. Si tratta di bambini e ragazzi che spesso i sistemi educativi considerano persi in partenza, segnati da forme di disagio troppo complesse e stratificate perché le forme di intervento istituzionali, condizionate da mancanza di risorse e vincoli economici, possano essere risolutive. Il progetto territorialmente interviene in Piemonte, Liguria, Lazio, Marche, Umbria, Campania, Calabria, Sardegna, Puglia e Sicilia.

DURATA DEL PROGETTO: 12 mesi 

N. POSIZIONI: 3

MISSIONE MESSINA

Messina, Venetico, Barcellona P.G.

SETTORE E AREA DI INTERVENTO: Settore: E – Educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibilee sociale e dello sport – Area: 4. Animazione di comunità 

Il presente progetto si rivolge alla comunità messinese con particolare riferimento a minori, giovani e migranti non in grado di essere adeguatamente inseriti nel contesto sociale a causa di difficoltà economiche, sociali e culturali, a cui si cerca di offrire momenti e luoghi di aggregazione attraverso attività laboratoriali, socializzanti e culturali.

DURATA DEL PROGETTO: 12 MESI

POSIZIONI:
Venetico n. 4
Messina n. 3
Barcellona P.G. n.2

COME CANDIDARSI

Anche quest’anno presentare la domanda di partecipazione al servizio civile universale è facile attraverso la piattaforma DOL (Domanda On Line) che consente di compilare e inviare la domanda attraverso PC, tablet o smartphone senza moduli cartacei da riempire, raccomandate da spedire o documenti da consegnare a mano.

Cosa occorre per accedere a DOL?

Puoi raggiungere la piattaforma DOL direttamente da qui o collegandoti a domandaonline.serviziocivile.it

L’accesso alla piattaforma è possibile solo attraverso SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o con le credenziali fornite dal Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale; questo perché il sistema ti possa riconoscere.

A) Se sei un cittadino italiano residente in Italia o all’estero puoi accedere alla piattaforma DOL esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Se non hai ancora il tuo SPID e non sai come ottenerlo visita il sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid

Ottenere le credenziali SPID, vedrai, è facile. Ecco di cosa hai bisogno:

  • un indirizzo e-mail;
  • il numero del cellulare che usi normalmente;
  • un documento di identità valido (carta d’identità, passaporto, patente)
  • la tua tessera sanitaria con il codice fiscale.

B) Se invece sei un cittadino appartenente ad un altro Paese dell’Unione Europea  o sei un cittadino di un Paese extra Unione Europea regolarmente soggiornante in Italia, dovrai richiedere al Dipartimento, collegandoti alla homepage della piattaforma DOL (domandaonline.serviziocivile.it), le credenziali per accedere al sistema.

Come accedo a DOL?

Se hai già il tuo SPID puoi entrare nella piattaforma DOL direttamente cliccando il tasto “Accedi con SPID”; se invece hai ottenuto le credenziali dal Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale puoi entrare nella piattaforma DOL cliccando su tasto “Accedi con credenziali”.

Ora non ti resta che compilare la domanda.

Segui tutte le istruzioni per la compilazione sulla “Guida” e se hai ancora dubbi vai alla sezione FAQ o scrivi una mail a domandaonline@serviziocivile.it

PRIMA DI CANDIDARTI PER UN PROGETTO LEGGI ATTENTAMENTE:

 

Per maggiori informazioni vai alla pagina web della Presidenza del Consiglio dei Ministri Scelgo il Servizio Civile